Bonus sicurezza: quali sono i vantaggi che puoi trarne!

Le detrazioni fiscali 2021 prevedono anche il recupero del 50% delle spese per gli interventi di messa in sicurezza della tua casa.

Può accedere a tutti i tipi di interventi di manutenzione ordinaria/straordinaria, ristrutturazione, restauro, risanamento conservativo come per l’ecobonus!

Quindi è possibile accedervi anche con un semplice intervento di sostituzione in edilizia libera, fatto salvo sempre il possesso dei requisiti richiesti, come il possesso della giusta capienza fiscale tale da poter mettere in detrazione la spesa al 50%.

La condizione è che i manufatti posseggano caratteristiche idonee per prevenire o ridurre il rischio di atti illeciti da parte di malintenzionati.

Cosa puoi detrarre e quali sono i limiti di spesa della detrazione

Possono accedere alla detrazione bonus sicurezza i seguenti interventi e manufatti:

  • L’installazione di porte blindate o rinforzate, grate e persiane blindate.
  • Apposizione o sostituzione di serrature, lucchetti, catenacci, spioncini.
  • Porte per garage con caratteristiche idonee per la sicurezza.
  • Avvolgibili in metallo con bloccaggi, apposizioni di saracinesche.
  • Vetri antisfondamento, casseforti a muro, installazione di rilevatori di apertura e di effrazione sui serramenti.
  • Fotocamere o cineprese collegate con centri di vigilanza privati.
  • Apparecchi di prevenzione antifurto e relative centraline.

Come per il bonus casa il tetto massimo di spesa detraibile ammonta a 96.000,00, con periodo di restituzione in 10 quote annuali di pari importo.

Una distinzione importante che occorre fare quando si devono detrarre le porte blindate con bonus sicurezza, è sapere se questa

-separa un vano riscaldato da uno non riscaldato;

-oppure se separa due ambienti non riscaldati.

Come cambia la detrazione bonus sicurezza a seconda dei casi

In base ad una delle due situazioni in cui ti potresti ritrovare, cambiano i requisiti richiesti per la porta da mettere in detrazione. 👇

ZONA RISCALDATA

bonus sicurezza

Nel caso di porta blindata che separi un ambiente riscaldato da uno non riscaldato per legge, deve rispettare i valori di trasmittanza termica stabiliti dal decreto dei requisiti minimi.

ZONA NON RISCALDATA

bonus sicurezza

Se la porta separa due ambienti non riscaldati, per la detrazione non si deve rispettare nessun valore di trasmittanza termica. Un classico esempio è il portoncino caposcala di un condominio.

Come accedere alla detrazione

Per avere diritto alla detrazione bisogna partire dal tipo di pagamento.

L’unica modalità ammessa, è sempre e solo il bonifico parlante per le agevolazioni fiscali.

Diverse modalità di pagamento, come contanti o assegni, non danno diritto alla detrazione!

Oltretutto, è necessario preservare tutta una serie di documenti al fine di usufruire del bonus, ed evitare sanzioni dagli enti preposti nel caso di controlli in situ.

La comunicazione delle spese effettuate, deve essere fatta da chi si occupa annualmente della dichiarazione dei redditi, come il tuo commercialista o un CAF.


Tutto molto semplice, anzi, apparentemente. Perché solo con l’intervento da parte di professionisti potrai sfruttare appieno i vantaggi del bonus sicurezza e senza commettere errori.

Per fare in modo che tu parta con il piede giusto, ti consiglio di iniziare con una consulenza personalizzata compilando il form che trovi qui in basso.

Sarai presto ricontattato ( entro 24 ore ) per discutere sulla migliore soluzione per mettere al sicuro la tua casa e risparmiare il 50% sulle spese effettuate!

Trovi il modulo cliccando a questo link ➡️

L’autore

Francesco Avitaia.

FRANCESCO AVITAIA

Scopri la nostra storia e in che modo dal 1985 aiutiamo le persone a vivere meglio nelle loro case grazie alla corretta scelta dei nuovi infissi. Clicca qui.

Se vuoi restare aggiornato e ottenere dei contenuti gratuiti ==>> clicca qui e iscriviti alla nostra newsletter

Possono interessarti anche questi ultimi articoli del blog

5 14 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

6 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Angelo
Angelo
1 anno fa

Buona sera
grazie per la preziosa guida.non mi è chiara una cosa: nel caso di Bonus sicurezza per porta blindata che divide due aree una fredda e una calda, secondo quanto scritto bisognerebbe inviare pratica Enea. Sul sito ufficiale Enea sono però presenti solo due sezioni, una riferita al bonus casa e una per l’ecobonus. Avete indicazioni su come procedere?
Grazie mille per la collaborazione, Saluti
Angelo

mario
mario
1 anno fa

Buongiorno, anche io ho la stessa domanda di Angelo ma non ho compreso la risposta, dovendo sostituire una vecchia porta blindata che separa ambiente caldo da freddo e volendo portarla in detrazione con bonus sicurezza devo farla o no la pratica Enea?

GIUSEPPE
GIUSEPPE
1 anno fa

Buonasera e grazie per le preziose info. Vorrei gentilmente sapere da lei come fare nel caso di nuova installazione di grate di sicurezza da apporre all’esterno di finestre e balconi. In questo caso l’IVA della fornitura è al 4% o al 22%? Ed in merito alla comunicazione all’ENEA è sempre necessaria? grazie in anticipo per il riscontro che vorrà fornirmi.