Condensa sul vetro delle finestre: le possibili cause!

🔴 Pensi che cambiando le tue vecchie finestre risolveresti i problemi di condensa sul vetro?

Questa è una delle tante ragioni per cui potresti decidere di sostituire una volta per tutte le tue vecchie finestre!

A prescindere dal materiale con cui siano stati costruiti i tuoi attuali infissi ti svelerò tutti i segreti che ci sono dietro la formazione di condensa sul vetro dei tuoi serramenti.

E’ importante che tu lo sappia perché spesso e volentieri si va incontro a questa situazione tipica: si dà impropriamente la colpa alle tue nuove finestre quando i motivi sono ben altri.

Bene perché questa che ho scritto è una vera e propria guida in cui andiamo ad analizzare i casi che porterebbero alla formazione di questo fenomeno.

Scelta dei nuovi infissi: attento che non ti mettano una canalina distanziatrice in alluminio!

Partiamo dal 1° errore da non commettere se si devono acquistare dei nuovi infissi.

Può succedere che tu e il tuo interlocutore abbiate discusso di molti dettagli che riguardano la scelta delle tue nuove finestre ma che tuttavia vi siate dimenticati di verificare un altro dettaglio molto importante: il canalino distanziatore nel vetro camera!

Condensa sul vetro

Detto in modo molto semplice si tratta di quell’elemento che separa le lastre di vetro all’interno di un vetro camera doppio o triplo che sia.

Se realizzata in alluminio – un materiale conduttivo che durante le stagioni invernali trasmette il freddo all’interno – puoi avere la finestra migliore che vuoi: la formazione di condensa è dietro l’angolo!

Se vuoi saperne di più su come puoi scegliere una canalina in grado di evitarti i problemi di condensa sui vetri camera, clicca qui in basso per leggere l’articolo che ho preparato per te.

Perché succede questo?

Immaginiamo una condizione tipica invernale dove generalmente abbiamo 0 C° all’esterno, mentre all’interno 20 C°.

In presenza di una canalina in alluminio succede che la temperatura superficiale interna ai bordi del vetro si abbassa a 12 C°: in presenza di tanta umidità relativa negli ambienti questo rappresenta un punto freddo che può essere soggetto a fenomeni di condensazione.

E nel caso in cui questa temperatura si abbassi ulteriormente la condensa può passare dallo stato gassoso allo stato liquido trasformandosi in vere e proprie goccie d’acqua.

Condensa sul vetro

Come evitare la condensa sul vetro dovuto alla canalina in alluminio

La soluzione è molto semplice da capire ma non proprio dal punto di vista pratico. 😃

Per fare in modo che questo non accada è necessario che la temperatura superficiale del vetro sia superiore ai 12 C° (almeno 14-15 C°)

Utilizzando un phone elettrico per uno o due minuti (anche a meno) riesci tranquillamente a far scomparire questo problema.

Condensa sul vetro

Ma se cerchi misure più drastiche è giusto che ti dica che è possibile farlo a monte di tutte le tue scelte ovvero propendere per una canalina realizzata in materiale termoisolante anziché la tradizionale in alluminio!

Esistono infatti diverse canaline (non è tanto importante il materiale ma che sia termica) realizzate in un materiale che NON conduce e che di conseguenza ti limita per quanto possibile la formazione di condensa sul vetro.

Perché la condensa si può mitigare e non eliminare.

Hai capito bene: la condensa è un fenomeno naturale dovuto a tutta una serie di condizioni ambientali presenti all’interno di un abitazione.

Questo significa che – alla luce di quanto abbiamo approfondita sulla questione “canalina” – la condensa potresti comunque avercela!

Dipende dalla quantità di umidità presente all’interno degli ambienti e che è dovuta a tutta una serie di attività che noi quotidianamente svolgiamo all’interno della nostra abitazione. ( ad esempio stirare i panni, farsi la doccia ecc. )

Ricorda:

“Non è mai la finestra a fare condensa!”

Vuoi una soluzione testata e collaudata così da poter eliminare per sempre il problema di condensa anche con finestre molto isolanti?

Ho una sorpresa per te! 😃 Puoi avere ora tra le mani un “report” che ti consentirà di imparare il giusto metodo affinché tu possa dire per davvero addio alla condensa sui vetri delle tue finestre.

Ti basta veramente poco e non dovrai fare altro che compilare questo form per riceverlo gratuitamente entro 24 ore sulla tua casella di posta.

***Attenzione perché ho deciso di mettere a disposizione online questo BONUS in modo gratuito per un periodo limitato!***

Non sarà disponibile per sempre, quindi se fossi in te non ci penserei due volte a cogliere questa opportunità prima che sia troppo tardi

Questo report è dedicato esclusivamente a committenti privati che intendono risolvere questa problematica!

Se sei un collega o comunque del settore anche se dovessi compilare il form non potrai riceverlo in quanto il sistema ne tiene traccia proprio per evitare la violazione del copyright.

Potrai averlo sempre con te e leggerlo PER SEMPRE per ogni tua necessità.

Ponti Termici: tutto ciò che devi evitare per prevenire la formazione di condensa (e in alcuni casi anche muffa)

Altra scelta che devi evitare se vuoi prevenire la formazione di condensa (e in alcuni casi anche muffa) è quella di installare un controtelaio in ferro.

Nel momento in cui dovessi installarlo all’interno della muratura genera un ponte termico devastante che porterà sempre il freddo durante i periodi invernali e il caldo durante le stagioni estive.

Un’articolo approfondito in merito lo trovi qui

Infissi in alluminio a profilo freddo

I vecchi infissi in alluminio senza taglio termico per capirci, che ad oggi dovrebbero essere ormai in disuso (ma posso assicurarti che purtroppo non è così!) 🙁

Gli effetti negativi che porteranno nella tua abitazione sono gli stessi come per il controtelaio in ferro.

Qualunque comportamento tu possa adottare difficilmente potrà evitarti la formazione di condensa (se non muffa sulle pareti interne) sui vetri delle tue finestre.

Se vuoi saperne di più ti invito a cliccare sul pulsante e leggere l’articolo dedicato.

Soglia o davanzale passante

Molte volte viene sottovalutato ma rappresenta un elemento che collega in modo diretto l’ambiente interno con l’ambiente esterno.

Solitamente dato che è realizzato in marmo produce sempre quel potere “conduttivo” che di conseguenza può portare alla formazione di condensa (e in alcuni casi muffa)

Come risolvere quest’aspetto qualora fosse presente?

Trovi tutte le informazioni necessarie andando qui

Il cassonetto

Diversamente da quanto si possa pensare il cassonetto – a differenza della finestra – rappresenta il punto più freddo (a diretto contatto con l’ambiente esterno) e di conseguenza il più debole che ci possa essere all’interno di un abitazione.

Se si tratta di un cassonetto NON coibentati vale sempre lo stesso principio: il freddo condotto verso l’interno può portare alla formazione prima di condensa e poi muffa sulle pareti.

Come risolvere questo ulteriore grattacapo?

La risposta è racchiusa andando qui

Il caso del “vetro appannato” di primo mattino: perché e come risolverlo

Condensa sul vetro

Un caso abbastanza frequente e che ci raccontano le persone che entrano in contatto con noi è quello del vetro appannato di primo mattino.

A cosa può essere dovuto?

Può essere dovuto dall’esposizione della finestra in una zona molto umida.

L’aria può scaldarsi prima del vetro, formando così la condensa. Questo fenomeno si chiama “sbalzo termico”.

Un altro “caso” potrebbe essere se la tua vetrata affacci su un giardino o terreno.

Nelle stagioni o mezze, più fredde può capitare che l’umidità contenuta nel terreno ristagni di primo mattino, e che vada a condensare sulla lastra

Quando mi alzo la mattina ho il vetro ricoperto di condensa!

Altra piccola rivelazione!

Può succedere che in sonno inaliamo vapore dalla bocca durante la notte.

Il fatto che trovi la condensa di prima mattina, nella parte interna del vetro della tua finestra chiusa, è dovuto alla quantità di vapore eccessivo che hai accidentalmente creato durante la notte.

Non ci credi? Fai questo test: pesati un po’ di tempo prima di andare a letto. Dopodiché, il giorno dopo ripesati e verifica che il tuo peso non sia inferiore rispetto al giorno precedente.


Come hai avuto modo di vedere sono tante le ragioni per cui potresti ritrovarti con la condensa sui vetri delle tue finestre.

Se vuoi iniziare a prevenirla nel modo giusto il mio consiglio è di scaricare il report che ho preparato per te (trovi il form scorrendo sopra la pagina)

🔵 Alla base di tutto questo come per tutte le persone che decidono di affidarsi a noi c’è sempre un metodo con cui saremo nelle condizioni di decidere e scegliere insieme a te le soluzioni migliori in funzione del tuo caso specifico.

Vuoi fare scelte consapevoli e che ti permetteranno di dire BASTA a finestre con vetri sempre appannati dalla condensa?

E’ il momento giusto per prenotare una prima chiamata direttamente con noi e raccontarci la tua situazione in maniera tale da capire se e come possiamo aiutarti a risolvere la tua problematica.

Clicca qui sotto e segui le istruzioni all’interno della pagina di presentazione 😉

Ciao e spero di sentirti o vederti presto!

L’autore

Francesco Avitaia.

Se preferisci puoi contattarmi sui canali social

FRANCESCO AVITAIA

Aiuto le persone ad ottenere i risultati che desiderano dalle loro nuove finestre grazie ad un metodo di lavoro testato e garantito.

Se vuoi conoscerci meglio clicca qui <-

Se vuoi restare aggiornato e ottenere dei contenuti gratuiti ==>> clicca qui e iscriviti alla nostra newsletter

Se questo articolo ti è stato utile e ritieni che possa essere di aiuto a qualcuno, condividilo sui canali social cliccando qui in basso.

5 17 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments